Psicologia Aziendale

MARKETING & COMUNICAZIONE 

Sono aree ed attività sttategiche, l’economia non esisterebbe senza la possibilità di conoscere e farsi conoscere, comunicare le informazioni.

Sono gli scambi, e ciò che li determina e li agisce, a dar luogo all’economia non il contrario!

Il concetto è  importante perché, dalla sua comprensione dipendono gli esiti e le relative conseguenze. Se è importante comprendere il perché, e come avvengono gli scambi, dobbiamo occuparci di conoscere, comprendere e studiare cosa spinge gli individui allo scambio: i bisogni, le esigenze che tendono a soddisfare, sistemi di preferenze ed attribuzione di valori diversi al medesimo bene,  i meccanismi alla base delle decisioni, dei comportamenti, i sistemi di preferenza, memorizzazione e apprendimento.


Le definizioni sono molteplici una mi attrae più delle altre "The Value of Happiness" . Il MKTG è il complesso delle attività di studio, analisi ed interazione tra l'azienda e l'ambiente esterno di riferimento, guida le decisioni oltre il momento della vendita del prodotto, occupandosi del processo di riacquisto (fiducia e fedeltà) come parte integrante del modello di vendita. La sua relazione non è con il profitto ma con la sostenibilità dell'impresa, è conoscenza ed attenzione all'evoluzione dei consumi e dei consumatori, valorizzazione e personalizzazione della relazione tra impresa e cliente, interesse per i comportamenti di acquisto e consumo, alle politiche di marketing dei concorrenti. Il MKTG è molto di più del prodotto che rappresenta è il complesso dei metodi atti a realizzare una strategia sostenibile attraverso la realizzazione dei beni prodotti incontrando il gradimento del mercato di riferimento. Se in generale si può circoscrivere al perfezionamento delle relazioni tra Azienda- Mercato e Vendita-Consumatori, i beni realizzati rappresentano semplicemente il veicolo per realizzare la sostenibilità dell'azienda. Il MKTG non adegua l'offerta, ma si occupa di realizzare quella idonea finalizzata alla piena soddisfazione dei bisogni e delle esigenze del mercato di riferimento ricomprendendo i criteri di formulazione del prezzo


riguarda le attività trasferimento delle informazioni, utili ad incontrare le motivazioni che supportano la decisione di acquisto, è funzionale al raggiungimento degli obiettivi del MKTG - La comunicazione è bidirezionale include diverse modalità oltre quella verbale e visiva che si estendono a tutti i sensi, attraverso i quali il cliente è in grado di trarre vantaggio da una esperienza. COMUNICARE è diverso da "DIRE", comunicare è interessarsi a fare comprendere, si interessa delle dinamiche con le quali il nostro mercato di riferimento è in grado di ricevere ed accogliere il messaggio. Vi sarà mai capitato di sentire: "Quante volte te lo devo dire!" Questa frase è utile per riassumere la mancanza del concetto di comunicazione. Emittente e Ricevente del messaggio, spesso, utilizzano il linguaggio come strumento formale, ma comunicano solo in minima parte con questo, tralasciando per un attimo l'importanza della comunicazione non verbale nelle relazioni personali, dobbiamo tenere in considerazione che le parole proferite dall'emittente vengono reinterpretate dal ricevente secondo dei suoi schemi, il suo sistema di rifereimento e valoriale, l'esperienza, la cultura, i pregiudizi, le inferenze, gli errori di valutazione ed interpretazione, bas ed euristiche. Se ti è capitato di rimproverare: "Ma, quante volte te o devo dire!?" probabilmente chi non ascolta sei Tu! il ruolo della comunicazione è fondamentale perchè, si occupa di comprendere come formulare testi ed immagini, articolare brevi messaggi vocali, in modo che vengano percepiti ed inducano una azione funzionale alla decisione.  Un testo non assolve alla sua funzione di comunicazione quando è scritto "bene ed in modo corretto", il testo deve essere costruito per essere compreso e ricordato dal nostro target.  M&C studiano il cliente, il modo in cui riconosce e percepisce, attraverso il testo o l'immagine, la funzionalità del bene al soddisfcimeno delle sue esigenze,  nel suo "LINGUAGGIO MENTALE". Se dovessimo vendere all'estero ci sforzeremmo di tradurre correttamente le informazioni nella lingua del nostro cliente, in modo simile M&C debbono tradurre i messaggi nella "lingua mentale" con la quale il cliente riesce ad averne percezione di utilità, per questo le Neuroscienze aiutano lo sviluppo delle due aree strategiche.


Il consumo assume una nuova interpretazione,  non è più il fine, ma il mezzo attraverso il quale esprimere valori, identità, individualità. Nell'ambito di una crescente varietà e variabilità della domanda, il nuovo consumatore esige elevati livelli di servizio e personalizzazione dell'offerta, che oggi possono essere supportati anche grazie alle nuove tecnologie


consente di riconoscere un prodotto di identificarne i valori in particolare in un ambiente dove la crescita esponenziale nell'offerta si associa alla sempre maggiore difficoltà di realizzare un'effettiva differenziazione, anche per la diffusione delle innovazioni tecnologiche; i distributori, pressati dalla concorrenza orizzontale, sviluppano politiche promozionali e perseguono con convinzione le strategie di sviluppo della marca commerciale; i consumatori sono sempre più maturi, capaci di interpretare reali caratteri dell'offerta, più attenti che mai, sono guidati anche dal minore reddito disponibile. ipsum


lorem ipsum

Per questo  diamo un ruolo importante alle Neuroscienze ed agli aspetti di natura Psicologica nell’Economia e quindi al Marketing ed alla Comunicazione; per conoscere l’economia dobbiamo conoscere l’uomo i motivi e ciò che concorre alla decisione e successive azioni che generano gli scambi e di conseguenza l’economia.

Pensate! La dinamica alla base di una transazione di Aquisto/Vendita su un titolo azionario (come di qualsiasi scambio)  risiede  proprio nella valutazione opposta (soggettiva) tra venditore ed acquirente del medesimo bene.

MARKETING & COMUNICAZIONE  sono funzionali per svolgere azioni  pro-attive, di interazione con l’ambiente, all’interno del quale, maturano una capacità di adattamento all’evoluzione. Sono il complesso delle attività, per mezzo delle quali, le aziende attivano i contatti, gestiscono i rapporti, creano e mantengono la fiducia, l’identità, i valori, la fedeltà e la cultura, stimolando comportamenti aderenti alle preferenze del mercato di riferimento.

Se siamo ciò che mangiamo, l’azienda è ciò che comunica

con la differenza che nel marketing e nella comunicazione   (di seguitoM&C) non è importante ciò che fai e cosa riferisci ma, è importante ciò che gli altri comprendono. Una insidia del M&C è prestare eccessiva attenzione al prodotto, sottovalutando le aspettative ed i “bisogni” che il cliente intende soddisfare per mezzo dei prodotti. Il Valore per il cliente non è nel prodotto quanto nell’esigenza che si trova a soddisfare, anche il possesso o la modalità di utilizzo sono in relazione al vantaggio che procurano al cliente.

Valore oggettivo intrinseco –> COMUNICAZIONE –> Valore soggettivo percepito

Marketing & Comunicazione sono distinti dagli strumenti che si utilizzano, “fare comunicazione non è avere un sito web!”.

M&C riguarda prevalentemente aspetti di studio e progettazione, che solo successivamente vengono trasferiti su specifici supporti, strumenti (siti, giornali, riviste, canali TV o radio), in testi, voci ed immagini, la comunicazione si occupa di utilizzare un “linguaggio mentale” attraverso il quale il cliente riesce ad averne la percezione di utilità, desiderio di acquisto,per questo le Neuroscienze aiutano lo sviluppo delle due aree strategiche.

Il M&C sono parte integrante della strategia aziendale, al pari degli spazi, uffici, strumenti ed apparecchiature, non si ricorre al M&C solo per necessità di rafforzare le vendite in determinati periodi. M&C rappresentano un investimento.

M&C sono in relazione con: costi, ricavi, marginalità ed investimenti, l’area commerciale di produzione e di vendita.

M&C sono strettamente connessi con l’ideazione, la progettazione, la conoscenza del cliente, coincidono con i concetti di usabilità, affordance, fiducia, fedeltà, prevede la conoscenza dei clienti ai quali ci rivolgiamo in relazione al prodotto.

L’azienda è un continum e la vendita non conclude il ciclo produttivo ma supporta una fase successiva: il riacquisto. .non esiste azienda senza una buona M&C.

 

 

Sei interessato ai nostri servizi?

Richiedi una consulenza.

Approfondimenti

Blog

edgedoll.com

wordpress theme powered by jazzsurf.com