Come e perchè definire un Obiettivo è Strategicamente Importante

L’obiettivo è un punto di riferimento strategicamente importante.

I nostri punti di riferimento sono solitamente ancorati allo statu quo ma, possono essere rappresentati da un obiettivo.

Punti di riferimento:

Statu Quo – Obiettivo

Comunemente è accolta l’osservazione secondo la quale gli obiettivi debbono essere raggiungibili e misurabili, cerchiamo di capire il perchè e le implicazioni, concentrandoci sulla raggiungibilità.

“Avversione al Rischio”

Probabilmente rimarremo stupiti dalla possibilità di trarre predizioni specifiche derivate da idee generalmente considerate ovvie.

Il concetto di “Avversione al Rischio” è certamente il contributo più significativo della psicologia all’economia comportamentale, ci consente di inserire l’avversione alle perdite all’interno del contesto bisistemico della mente ( Sistema 1 & Sistema 2), dove la Negatività e Fuga sono dominanti su Positività e Approccio.

Il mancato raggiungimento di un obiettivo è considerato, percepito e vissuto come una perdita, superarlo , andare oltre come un guadagno.

Visto la dominanza della negatività ( dovuta alla maggiore velocità con la quale vengono elaborate le informazioni che identificano la minaccia che viaggiano attraverso canali neurali diretti all’area celebrale che elabora le emozioni), i due risultati sono asimmetrici (5:1) quindi, non ugualmente potenti.

Prevale il sentimento di perdita in considerazione del concetto di avversità al rischio.

L’avversione dell’idea di non raggiunger un obiettivo è molto più forte del desiderio di superarlo.

Uno dei comportamenti che ne deriva, risiede nella preferenza da parte delle persone, di adottare obiettivi personali di breve termine che si sforzano di raggiungere ma, non necessariamente di superare.

Raggiunto l’obiettivo, le persone, riducono lo sforzo violando la logica economica.

Lavorando nelle aziende in termini di scelte strategiche, programmazione e realizzazione di sistemi di incentivo orientati al valore, è usuale definire obiettivi di medio, medio-lungo periodo è importante conoscere le dinamiche che consentono di determinarne il successo.

Obiettivi di medio, lungo o breve periodo?

In tutte le aziende ed in moltissime attività quotidiane ci poniamo obiettivi di medio periodo: lavoro, dieta, attività sportiva, comunemente cerchiamo di definire obiettivi che puntualmente vengono disattesi per dinamiche legate alla concentrazione sul breve.

Possiamo porci obiettivi di medio-lungo periodo, ma l’obiettivo determinate sul quale concentreremo la nostra attenzione è in genere quello giornaliero. La definizione degli obiettivi di medio-lungo crea dinamiche di “abbandono”a favore di obiettivi di breve che si realizzano con dinamiche distorte.

L’idea generale di avversione alle perdite potrebbe non stupire, ma il concetto non è assolutamente banale e scontato ed i suoi effetti sono spesso trascurati nonostante la rilevanza.

Alcuni concetti apparentemente semplici, se approfonditi, possono aiutare a pensare e riformulare intere strategie.

https://www.ruggeromancini.it/

 

wordpress theme powered by jazzsurf.com